Info per i pazienti

9 cose da sapere sulla terapia infiltrativa e sul nostro sito

 

A cosa servono le infiltrazioni intra articolari di acido ialuronico?
Le infiltrazioni di acido ialuronico si utilizzano nel trattamento conservativo dell’artrosi. Studi internazionali e ampie casistiche hanno confermato l’efficacia delle infiltrazioni di acido ialuronico, soprattutto nel trattamento della gonartrosi (artrosi del ginocchio) e della coxoartrosi (artrosi dell’anca). E’ comprovata la loro azione di riduzione del dolore e spesso consentono al paziente di acquisire anche una migliore mobilità articolare con un effetto positivo sulle attività di vita quotidiana. Ci può essere anche un effetto anti infiammatorio. L’iniezione intra-articolare di acido ialuronico è nota anche come viscosupplementazione, in riferimento alle proprietà visco-elastiche di questa sostanza. Quasi sempre le infiltrazioni devono essere ripetute a distanza di tempo.
Per quali patologie è indicata la terapia infiltrativa?

Il trattamento infiltrativo trova impiego nelle patologie articolari infiammatorie e degenerative caratterizzate da dolore, quali

  • artrosi,
  • artriti non infettive,
  • condropatie,
  • capsuliti,
  • tendiniti,
  • tenosinoviti,
  • borsiti,
  • fasciti,
  • sindromi radicolari,
  • fibrositi,
  • entesopatie.
In quasi situazioni cliniche le infiltrazioni sono invece controindicate?

Le principali controindicazioni all’effettuazione di una terapia infiltrativa intraarticolare sono date da

  • infezioni articolari o periarticolari (che rappresentano una controindicazione assoluta),
  • presenza di un versamento di sangue nell’articolazione (emartro),
  • problematiche della pelle come
    • eritemi,
    • pustole
    • e segni di psoriasi nella zona da infiltrare.

Quando si sospetta un’infezione articolare è necessario effettuare una artrocentesi ed analizzarne il liquido: solo in caso di negatività dell’esame potrà essere eseguita l’infiltrazione intrarticolare.

Le infiltrazioni consentono di guarire l’artrosi?

Essendo l’artrosi una patologia degenerativa, nessun trattamento farmacologico è in grado di riportare perfettamente allo stato integro l’articolazione malata. Le infiltrazioni effettuate in pazienti interessati da gradi lieve e moderato di artrosi, possono tuttavia limitare la degenerazione e consentono di ottenere un beneficio per quanto riguarda il dolore e la funzionalità articolare.

Come vengono effettuate le infiltrazioni intra articolari?

Guarda i video e ascolta le spiegazioni di un medico qualificato. I Video sono suddivisi a seconda della articolazione da infiltrare. Basta far scorrere le immagini per scegliere l’articolazione che interessa.

GUARDA I VIDEO

Sul sito di terapia infiltrativa si possono comperare i prodotti per le infiltrazioni?

No. Il sito ha solo uno scopo informativo. Per avere a disposizione i prodotti per le infiltrazioni bisogna rivolgersi al proprio medico curante.

Cerchi un medico che esegua le infiltrazioni?

Sul sito di terapia infiltrativa c’è un dabase di medici che esegue le infiltrazioni.
Basta andare qui e scrivere:

  • il nome del medico (se ne conoscete uno ma non sapete dove visita o come fare per contattarlo)
  • oppure il comune di residenza. In questo caso, compariranno i medici (se ce ne sono) che sono in grado di praticare la terapia infiltrativa e che risiedono nel raggio di 50 Kilometri.

Precisiamo che il nostro sito non ha effettuato alcun controllo sulla professionalità dei medici del database che si sono iscritti su base volontaria.

CERCA UN MEDICO

Vuoi sapere quali sono i prodotti disponibili per le infiltrazioni?

Cercali nel nostro database, dove sono consultabili secondo il loro nome oppure per quello dell’azienda che li produce.

CERCA I PRODOTTI

I prodotti per le infiltrazioni a base di acido ialuronico sono uguali o molto simili?

No. I prodotti sono diversi per la loro struttura chimica e per il modo con cui sono formulati. Cambia anche la frequenza con cui devono essere iniettati nelle articolazioni. Sarà il medico a decidere il prodotto che ritiene più adatto alla situazione clinica del paziente.